diario di un ragazzo curiosoEicom Sales Academy Verbania Marzo 2018

La mia esperienza all’Accademia per venditori di Eicom

Ho sempre guardato al lavoro di venditore con circospezione. Il luogo comune mi ha (e ci ha) abituato a inquadrarlo come un lavoro difficile e screditante, spesso associato ad eccessive pratiche motivazionali per mantenersi concentrati sugli obbiettivi da raggiungere e convincersi che non potrebbe esserci mestiere più bello e gratificante di quello che si sta facendo.
Se a questo poi aggiungo il fatto che troppo spesso ho sentito la parola venditore macchiarsi di sinonimi quali abbindolatore, disonesto, truffaldino, non c’è da stupirsi se qualche volta mi è capitato di dubitare che fosse una vera e propria professione.

Per fortuna, o per natura, per quante storie possano giungermi all’orecchio difficilmente condanno qualcosa in via definitiva, ed è probabilmente anche per questo motivo che sono a Verbania questi tre giorni alle idi di marzo.

porto di Verbania marzo 2018

Eicom è una realtà che non conoscevo, ma che, per come si è posta nei vari lidi online di cerco/offro lavoro, mi ha incuriosito. Si parla di “Un nuovo progetto incentrato sulla figura del consulente”, qualcosa che in via ufficiale è presentata come Sales Academy.
Oggettivamente parlando già a questo punto noto un’importante differenza rispetto a quanto bolle e ribolle nel calderone dei loghi comuni.
In pratica l’azienda mette a disposizione di un gruppo selezionato di giovani e meno giovani, alcuni tra i suoi collaboratori più preparati per offrire gratuitamente e senza vincoli contrattuali un’esperienza didattica sul ruolo del venditore e tutto ciò che vi gravita attorno.

Per come la vedo io, le attenzioni e la fiducia che l’azienda ripone nei miei confronti già in questa prima fase conoscitiva è una bella gratifica, un segno di rispetto e serietà.
C’è la volontà di costruire qualcosa di solido e duraturo nel tempo, per il quale l’azienda mette volentieri a disposizione tempo, risorse, e soprattutto l’esperienza del suo team. Non me ne voglia inoltre chi non ce l’ha fatta, non ce la fa o non ce la farà, ma a convalidare l’ipotesi poc’anzi descritta c’è la selezione preventiva che l’azienda ha attuato per individuare ed ammettere al progetto soltanto le persone più portate e idonee a questo tipo di realtà. Un’ulteriore dichiarazione di intenti e di buona volontà nell’amore della buona riuscita del progetto.

Cominciamo bene.

Appunti Eicom Sales Academy Verbania Marzo 2018

Ma perché Verbania? Benché non abbia nulla da recriminare a una location particolarmente suggestiva, l’annuncio parlava di corsi di formazione presso la sede operativa di Torino.
La risposta arriva da chi le domande in questi giorni le farà. Scambiando i primi convenevoli con gli altri ragazzi che seguiranno il corso mi rendo conto che tutti, chi più e chi meno, vivono in zone vicine alla città, come me. Un’altra accortezza che l’azienda ha avuto nei nostri confronti.

Dobbiamo ancora cominciare e già mi sento un po’ privilegiato.

Dopo tutte queste attenzioni non mi aspettavo certo di sedermi con gli altri ragazzi attorno a un tavolo in una saletta del patronato, ma Eicom mi ha sorpreso facendo le cose davvero in grande. Sarà che magari si è cercato di creare quell’atmosfera cerimoniale tipica de “la prima”, ma in ogni caso, scegliendo di coinvolgere uno dei suoi clienti, tale Unione Industriale del Verbano Cusio Ossola (come riporta letteralmente una targa affissa alla parete) che ha messo a disposizione una bellissima sala dell’edificio storico che ne ospita la sede, Eicom ha dimostrato ancora una volta che crede realmente in questo progetto e nelle persone che ne fanno e ne faranno parte.

Eicom Sales Academy Verbania Marzo 2018

Per chi come me conserva dei bei ricordi della scuola, tornare “sui banchi” accende sempre una bella emozione, e chi invece proprio non si sentiva tagliato per la vita dello studente, alla Sales Academy di Eicom non avrà comunque di cui preoccuparsi. Più che di una scuola di vendita il corso ha i connotati di un’accademia (come suggerisce anche il nome del progetto, scelto  presumibilmente con coscienza dai suoi fautori), non quelle classiche in cui si imparano le arti e i mestieri della tradizione, parlo di quelle accademie sorte dal ‘900 in poi, legate alle origini ma con lo sguardo in avanti, in un clima di grande pragmatismo e sperimentazione.

Ve l’avevo detto che mi piaceva andare a scuola.

Per un po’ ammetto di non aver capito chi doveva stare di qua e chi aldilà della cattedra. Gli “insegnanti” si confondono tra i ragazzi non soltanto per la loro giovane età ma anche per la scioltezza e la disinvoltura con cui si relazionano a noi. E questo mi è piaciuto molto. Probabilmente la cosa che mi è piaciuta di più. Non soltanto perché una persona positiva e briosa è in grado di condividere e infondere la propria esperienza raccontando e non spiegando, ma, e soprattutto, perché non percepisco un’ostentata glorificazione nei confronti dell’azienda. Si parla di Eicom, certo, siamo qui per questo, ma si parla anche di noi, dei nostri sogni, i nostri interessi, la nostra vita. Il senso d’appartenenza all’azienda nasce proprio da questi momenti di confronto e condivisione amichevole, maturando nel tempo in modo sano e genuino.

Eicom Sales Academy Verbania Marzo 2018

Più tempo trascorro con questi ragazzi e più mi rendo conto di quanto sarebbe superficiale soffermarmi a descrivere com’è strutturato il programma, che argomenti si affrontano e come sono suddivisi. Visti la cura e l’entusiasmo colti nei vari aspetti organizzativi era chiaro che l’offerta didattica sarebbe stata completa ed esaustiva in ogni aspetto fondamentale della professione, dalla parte più tecnica e teorica a quella più emotiva e psicologica.
Ciò che più mi ha colpito di queste ore assieme, dentro e fuori dall’aula, e che probabilmente rappresenta il valore aggiunto della Sales Academy di Eicom, non sta tanto nelle slide, nel modello di vendita o in un programma didattico ricco e accurato, quanto nel clima positivo che vi si crea attorno e che unisce saldamente il tutto definendo un’esperienza vera e concreta.
Come un camposcuola, un ritiro sportivo, una scampagnata. A creare ed imprimere il ricordo positivo non sono i contenuti trattati ma le persone che condividono l’esperienza. Si può dire che le persone stesse siano i contenuti, che coinvolte in un contesto comune pongono le basi di un gruppo.

Ed è quello che è successo qui.

In questi tre giorni, noi, senza vedere assorbita la nostra individualità in un inutile processo di glorificazione aziendale, siamo stati un gruppo. Con pensieri e opinioni differenti ma sempre con la voglia di confrontarsi e di crescere assieme. Alti e bassi, come la linea frastagliata di un grafico che denota dinamicità, vita. Senza la volontà di indottrinare tutti allo stesso pensiero, portando, sempre metaforicamente parlando, ad una linea retta, piatta, morta.

Eicom Sales Academy Verbania Marzo 2018

È un progetto che funzionerà?
È un progetto che può funzionare.

Torno a casa con un buon ricordo, nuove conoscenze, una rinnovata opinione nei confronti della figura professionale del venditore, ma soprattutto curiosità e fiducia verso un modello di lavoro sano, onesto e coraggioso.

Concludo e vi saluto con gli appunti presi nel corso di queste giornate formative e informative.

 

Eicom sono le persone che ne fanno parte.

 

Sul mio taccuino ho scritto “solo” questo.
E per me è sufficiente.

Un ragazzo curioso

Foto di gruppo Eicom Sales Academy Verbania Marzo 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mostra i commenti sul post